Consulenza gestionale e legale

ricerca
ricerca

rifiuti
acqua
rumore
aria
suolo
adr
tecniche di controllo e sanzioni
certificazione ambientale

RIFIUTI / GIURISPRUDENZA

In tema di tassa per lo smaltimento di rifiuti urbani, la dichiarazione di assimilazione dei rifiuti speciali non pericolosi a quelli urbani, presuppone necessariamente la concreta individuazione delle caratteristiche, non solo qualitative, ma anche quant ...

L'affermazione del giudice a quo, nella sua generalizzazione, per quanto letteralmente riferita ai "luoghi di degenza", si palesa nel senso che tutti i rifiuti prodotti dalla struttura ospedaliera sarebbero da assimilare ai rifiuti spec ...

Il Tribunale di Barcellona Pozzo di Gotto non ha riconosciuto valenza probatoria al documento di trasporto prodotto non all'atto del controllo da parte degli ispettori del Corpo forestale dello Stato sul veicolo stesso, ma postumamente solo in occasione della impugnazione del provvedimento di sequestro del detto veicolo trasportante il materiale: cioè in orario prenotturno fermo in prossimità di una discarica abusiva già da tempo platealmente utilizzata per lo smaltimento di tale genere di rifiuto

La condotta sanzionata dal D.Lgs. n. 152 del 2006, art. 256, comma 1 è riferibile a chiunque svolga, in assenza del prescritto titolo abilitativo, una attività rientrante tra quelle assentibili ai sensi degli artt. 208, 209, 210, 211, 212, 214, 215 e 216 ...

La deroga prevista dal D.Lgs. n. 152 del 2006, art. 266, comma 5 per l'attività di raccolta e trasporto dei rifiuti prodotti da terzi, effettuata in forma ambulante opera qualora ricorra la duplice condizione che il soggetto sia in possesso del titolo abilitativo per l'esercizio di attività commerciale in forma ambulante ai sensi del D.Lgs. 31 marzo 1998, n. 114 e, dall'altro, che si tratti di rifiuti che formano oggetto del suo commercio.

Per quanto riguarda l'esimente prevista dal D.Lgs. n. 152 del 2006, art. 193, la stessa non è applicabile, perchè la norma parla di fondi appartenenti alla medesima azienda agricola. Nel caso di specie, invece, la sola ditta xxx è un'impresa agricola. E' ...

In caso di spedizioni transfrontaliere, l'art. 216-bis, comma 4 e 5, TUA, nel ribadire la priorità per la rigenerazione degli oli usati, limita le spedizioni transfrontaliere di oli usati verso impianti di incenerimento e coincenerimento collocati al di f ...

La competenza a provvedere alla distruzione dei rifiuti pericolosi spetta al Pubblico Ministero, sia perchè cosi ha disposto il giudice della cognizione con la sentenza del 14 luglio 2000, ormai irrevocabile, sia in applicazione del principio cardine dell ...

E' previsto, con riferimento alle c.d. "voci specchio", che riguardano il medesimo rifiuto identificato come "pericoloso" mediante riferimento specifico o generico a sostanze pericolose e come "non pericoloso&a ...

La specifica inclusione del CDR fra i rifiuti speciali disposta dalla legislazione di settore e la mancata inclusione nel D.Lgs. n. 22 del 1997, art. 7, comma 3, lett. g), impedisce radicalmente di considerare assimilabile il CDR alla categoria, peraltro ...

Tra le attività di gestione illecita di cui tratta il D.Lgs. n. 152 del 2006, art. 256, è contemplato anche lo smaltimento, attività che comprende, come specificato dall'Allegato B alla Parte Quarta del medesimo decreto legislativo e puntualmente ricordat ...

Lo smaltimento su un terreno di fusti contenenti rifiuti pericolosi in condizioni tali da determinare anche il versamento del contenuto sul suolo, con penetrazione dello strato superficiale dello stesso, costituisce attività del tutto idonea a configurare ...

Va pertanto rilevato, in conformità di quanto allora disposto, che l’art. 198 del D. Lgs. n. 152/2006 punto g) concede ai Comuni la potestà regolamentare in ordine all’assimilazione, anche per qualità, dei rifiuti speciali non pericolosi ai rifiuti urbani ...

Il trasporto di rifiuti prodotti da terzi da parte di soggetto autorizzato al trasporto dei propri rifiuti configura il reato di cui al D.Lgs. n. 152 del 2006, art. 256, comma 1 e non anche la meno grave ipotesi sanzionata dal comma 4 del medesimo articol ...

I reati di realizzazione e gestione di discarica non autorizzata e stoccaggio di rifiuti senza autorizzazione hanno natura di reati che possono realizzarsi soltanto in forma "commissiva". Ne consegue che essi non possono consistere nel m ...

pagina successiva ultima pagina