Consulenza gestionale e legale

ricerca
ricerca

rifiuti
acqua
rumore
aria
suolo
adr
tecniche di controllo e sanzioni
certificazione ambientale

RIFIUTI / GIURISPRUDENZA

Ad integrare la nozione di collegamento funzionale concorre non soltanto dal punto di vista spaziale la contiguità dell'area a tal fine utilizzata rispetto a quella di produzione dei rifiuti, ma altresì la destinazione originaria della medesima in ragione ...

E' rifiuto non ciò che non è più di nessuna utilità per il detentore in base ad una sua personale scelta ma, piuttosto, ciò che è qualificabile come tale sulla scorta di dati obiettivi che definiscano la condotta del detentore in relazione a tale bene ovv ...

In ipotesi di esecuzione di lavori attraverso un contratto di appalto, è l'appaltatore che - per la natura del rapporto contrattuale da lui stipulato ed attraverso il quale egli è vincolato al compimento di un'opera o alla prestazione di un servizio, con ...

Dalla disciplina regolamentare si ricava in modo chiaro, che l'iscrizione all'Albo dei gestori ambientali per le imprese che effettuano trasporto di rifiuti abilita allo svolgimento dell'attività soltanto con i mezzi di trasporto oggetto di specifica com ...

Di conseguenza, come chiarito dalla citata pronuncia, " la demolizione di un edificio, che può avvenire per motivi diversi, non è finalizzata alla produzione di alcunchè, bensì all'eliminazione dell'edificio medesimo, nè può assumere rilevanza, c ...

In relazione alla specifica fattispecie dedotta — il Tar con sentenza 252/2018 ha rilevato — la non occasionalità, ma al contrario la costante ed ordinaria reiterazione delle ordinanze in questione, in assenza di una programmazione ordinaria tale da scong ...

La doglianza, peraltro, si appalesa anche manifestamente infondata, in quanto, quand'anche si ritenesse valido l'assunto difensivo circa la liceità della prosecuzione dell'attività a seguito dell'applicazione del principio del c.d. silenzio - assenso, ciò ...

Il presupposto della tassa di smaltimento dei rifiuti ordinari solidi urbani, secondo il D.Lgs. 15 novembre 1993, n. 507, art. 62, è, invero, l'occupazione o la detenzione di locali ed aree scoperte a qualsiasi uso adibiti e l'esenzione dalla tassazione d ...

E' pacifico in giurisprudenza il principio secondo cui colui che conferisce i propri rifiuti a soggetti terzi per il recupero o lo smaltimento ha il dovere di accertare che questi ultimi siano debitamente autorizzati allo svolgimento delle operazioni, con ...

Deve ritenersi sussistente l'obbligo di iscrizione nell'albo nazionale dei gestori ambientali, sia pure con modalità semplificate ed oneri minori, per le imprese che effettuano la raccolta ed il trasporto di propri rifiuti non pericolosi come attività ord ...

la Corte territoriale nel riconoscere, correttamente, quanto dedotto nell'atto impugnato dal difensore, ovvero, che - in tema di rifiuti - il produttore possa alternativamente e facoltativamente adeguarsi al criterio quantitativo o a quello temporale, ovvero, possa conservare i rifiuti per non più di tre mesi in qualsiasi quantità, oppure possa conservarli per un anno purchè non raggiungano (anche con riferimento ai rifiuti pericolosi) i limiti volumetrici previsti dalla norma di riferimento (D.Lgs. n. 152 del 2006, art. 183, lett. bb), ha, nondimeno, tenuto conto dell'orientamento consolidato di questa Corte secondo cui l'inosservanza anche di una sola delle condizioni previste e imposte per il deposito temporaneo, trasforma, automaticamente, l'attività oggetto del deposito in illecita gestione dei rifiuti o in abbandono degli stessi, e pertanto, in una condotta a rilevanza penal.

Condannata proprietaria dell'immmobile per aver consintito un attività non autorizzata di smaltimento rifiuti, consistente nella frantumazione di inerti da demolizione e aver provveduto al loro spianamento e livellamento al suolo. l giudice, a parere della difesa, invece, avrebbe condannato senza tenere in considerazione che l'art. 183, lett. b), n. 2, del D.Lgs. n. 152 del 2006., consente al titolare dell'immobile, che procede alla ristrutturazione o alla costruzione, di depositare temporaneamente le macerie prodotte sul suolo, risultando irrilevanti le modalità di raggruppamento delle stesse.

Nel caso di specie, come correttamente osservato dal Procuratore generale nella sua requisitoria, la situazione riscontrata, ancorchè riferibile ad un unico episodio, era caratterizzata dal conferimento di rifiuti riferibili ad un'attività di autotrasporto, effettuata tanto dalla società del ricorrente che dalla ditta dalla quale dipendeva il ricorrente, correlando entrambi i soggetti coinvolti ad una specifica attività imprenditoriale. Inoltre, la tipologia dei rifiuti (un grosso filtro d'aria esausto di camion/pullman, alcune latte di solventi vuote ed ancora intrise di sostanza inquinate, cartoni intrisi di idrocarburi, parti di carrozzeria di pullman), oltre a ricondurre alle suddette attività imprenditoriali, consente di ritenere, quanto meno con riferimento alle parti meccaniche e di carrozzeria, che le stesse siano state precedute da altre attività prodromiche al trasporto ed al successivo conferimento

L'inosservanza dei requisiti e delle condizioni previsti nella comunicazione di inizio attività si traduce nell'esercizio dell'attività stessa in assenza dei requisiti richiesti per il suo svolgimento, sia perché in base al combinato disposto di cui agli ...

Accettava presso l'impianto anche rifiuti provenienti da privati, in violazione delle limitazioni, previste nell'atto autorizzativo e avviava l'attività di messa in riserva e trattamento di rifiuti speciali in data antecedente all'accettazione da parte de ...

pagina successiva ultima pagina