Consulenza gestionale e legale

ricerca
ricerca

rifiuti
acqua
rumore
aria
suolo
adr
tecniche di controllo e sanzioni
certificazione ambientale

RIFIUTI / GIURISPRUDENZA

La prima censura, con la quale la ricorrente lamenta la non applicabilità alla fattispecie in esame delle limitazioni di cui all’art. 216 bis del Dlgs. 3 aprile 2006, n. 152, è infondata e deve esser respinta. Infatti, come correttamente rileva la Regione ...

In tema di tassa per lo smaltimento di rifiuti urbani, la dichiarazione di assimilazione dei rifiuti speciali non pericolosi a quelli urbani, prevista dal D.Lgs. 5 febbraio 1997, n. 22, art. 21, comma 2, presuppone necessariamente la concreta individuazio ...

I bancali in questione non possono essere considerati quali sottoprodotti, non essendovi alcuna prova della sussistenza delle condizioni di cui al D.Lgs. n. 152 del 2006, art. 183, comma 1, lett. p). Come osservato dal tribunale infatti: a) le imprese che ...

La doglianza rispecchia una corrispondente doglianza sottoposta al Tribunale alla quale il giudice di merito risponde in modo specifico ed adeguato, tra l'altro evidenziando che da quanto risultato dal sopralluogo dell'Arpa - e quindi da una ispezione esp ...

Nel caso di specie, non si tratta di materiale utilizzato per agricoltura, selvicoltura o produzione di energia, essendo invece "residui di piantagioni"; il che non coincide con i tre specifici tipi di residui (paglia, sfalci e potature) ...

I produttore iniziale dei rifiuti - in questo caso la società dell'indagato - che consegni tali rifiuti ad un altro soggetto che ne effettui, anche in parte, il trattamento - in questo caso la società P. - conserva la responsabilità per l'intera catena di ...

In conformità ad un consolidato indirizzo di questa Sezione, che il trasporto di rifiuti provenienti dal disfacimento del manto stradale (nella specie, lastre di asfalto) configura il reato di cui al D.Lgs. 3 aprile 2006, n. 152, art. 256 poichè detti rif ...

Va sul punto ricordato, pur non ignorando il Collegio il diverso avviso reiteratamente espresso in dottrina, che questa Sezione ha chiarito come, in tema di tutela dell'ambiente, l'art. 186 cit., a seguito dell'abrogazione disposta dal cit. art. 39, comma ...

Nella sua inattaccabile completezza, la decisione impugnata contrasta la tesi difensiva ricordando come, in base a principi acquisiti nella giurisprudenza di questa S.C."esclude la configurabilità del cosiddetto deposito temporaneo o regolare e i ...

La disamina fattuale è stata eseguita dai giudici di appello in modo congruo e rispettoso dei principi generali che la giurisprudenza ha elaborato per qualificare una discarica non autorizzata e che, una volta riepilogati, vengono concretamente identifica ...

Con sentenza depositata il 18 ottobre 2013 di cui alleghiamo per ora solo il dispositivo, il giudice di pace di Roma, nella persona del dott. Domenico Pace, ha condannato il ministero dell’Ambiente a risarcire un’azienda di trasporto della provincia di Bergamo dei danni economici avuti per essere stata costretta a sopportare i costi imposti dall’iscrizione obbligatoria al sistema telematico Sistri. In attesa del deposito della sentenza con le motivazioni, ringraziamo l'Avv. Di Costa

E' legittima la delibera comunale di approvazione del regolamento e delle relative tariffe, in cui la categoria degli esercizi alberghieri venga distinta da quella delle civili abitazioni, ed assoggettata ad una tariffa notevolmente superiore a quella app ...

In tema di rifiuti l'autorizzazione all'esercizio di una delle tipiche attività di gestione dei rifiuti (raccolta, trasporto, recupero, smaltimento, commercio ed intermediazione) è di natura personale, per cui non è consentita a terzi, anche se delegati o ...

Tale distinzione appare non solo ingiustificata, ma anche irrazionale perché sarebbe stato più ragionevole invertire le posizioni; in altri termini potrebbe apparire plausibile pretendere il procedimento ordinario per l'utilizzo di frazione di inerti nell ...

All'imputato erano stati, contestati al capo a) plurimi episodi di smaltimento di rifiuti sanitari, da aprile a dicembre 2008, sulla base di quanto conferito in quel periodo dagli studi medici indicati nell'imputazione e della circostanza che il centro di ...

pagina successiva ultima pagina